Vecchia Signora Trascurata dai Figli Piange in Casa di Riposo per 5 Anni, Quando una Voce Femminile Dice ‘Ti Porterò Via’

STORIE DI VITA

Patricia aveva pregato per il benessere dei figli che l’avevano abbandonata e sperava di rivederli. Invece, qualcun altro si presenta con l’intenzione di cambiare la sua vita.

Gli assistenti della casa di cura St. Johns avevano detto che la voce di Patricia era troppo flebile. Ma lei sapeva che Dio poteva sentirla.

Erano passati cinque anni da quando Patricia Glenn viveva nella casa di cura – cinque anni da quando suo figlio l’aveva lasciata lì e se n’era andato senza dire addio. Quella sensazione dell’abbraccio non restituito mentre stava al freddo a braccia aperte le faceva ancora male nel petto.

Patricia era diversa allora. Era più arrabbiata, più esigente di risposte e più in contrasto con il proprio destino. Non poteva credere di essere stata tagliata così rapidamente, e sognava il giorno in cui i suoi tre figli sarebbero tornati da lei.

For illustration purposes only | Source: Getty Images

Ma quello era Patricia cinque anni fa. Con il tempo, la sua rabbia e il suo disprezzo si erano ammorbiditi fino a un senso di resa. Il suo corpo diventava più fragile, e la sua digestione più debole. Ma la sua fede e la sua convinzione erano cresciute più forti oltre ogni limite.

Certo, c’era ancora dolore nei suoi occhi. Ma da quando aveva ravvivato la sua relazione con il suo Dio personale, la sua oscurità si era trasformata in luce. Leggeva giorno dopo giorno e parlava con ogni pianta e sasso come se stessero avendo una conversazione.

Presto, gli altri residenti cominciarono a raccogliersi intorno a lei, aspettando di condividere i loro problemi e il loro dolore. Aspettavano di parlare con lei, sapendo che le sue parole venivano da un luogo profondamente ispirato e che avrebbero lenito le loro anime.

Trattate i vostri anziani con rispetto e gentilezza: non saprete mai cosa hanno passato. Non sapevano che ogni notte degli ultimi cinque anni, Patricia si sarebbe seduta da sola vicino alla finestra e avrebbe lasciato fluire il suo dolore in lacrime.

For illustration purposes only | Source: Getty Images

Anche se tutto il loro amore leniva il cuore di Patricia, i ricordi dolorosi la tormentavano ancora a volte.

Spesso si svegliava nel cuore della notte, ricordando l’ultima grande lite tra i suoi figli e lei. Le parole dolorose che le avevano detto si ripetevano nella sua mente.

“Perché sei così decisa a trattenere il testamento? Pensi di vivere per sempre?”

“Sei la donna più egoista che abbia mai conosciuto!”

“Ho sprecato la mia giovinezza a occuparmi di te. Vorrei sapere che non avrei ottenuto nulla per questo!”

Ricordava come fosse stordita e malata nel letto d’ospedale quella notte e come il personale avesse dovuto intervenire e chiedere ai suoi figli di uscire.

For illustration purposes only | Source: Getty Images

Una brezza fredda scosse Patricia riportandola al momento presente. Era sdraiata nel letto, chiuse gli occhi e ripeté la stessa preghiera che aveva detto ogni notte:

“Cari Dio. Proteggi i miei figli e le loro famiglie con il tuo amorevole sostegno. Li perdono. Li amo. Se puoi, mandali da me. O meglio ancora, portami da loro.”

Da qualche parte durante la notte, Patricia sentì come una mano calda le accarezzasse la fronte. “Deve essere Dio”, pensò, mezza addormentata.

Ma poi, sentì una dolce voce sussurrare: “Ti porterò via!”

Patricia aprì gli occhi, e ci volle qualche istante perché credesse a ciò che vedeva.

“Amber… sei tu?”

“Sono io, nonna. Sono venuta a portarti via.”

For illustration purposes only | Source: Getty Images

Amber era la figlia del figlio maggiore di Patricia, David. Anche se David non aveva visitato né chiamato negli ultimi cinque anni, erano stati Amber e suo fratello minore Jacob a restare in contatto con lei.

Patricia non riusciva a staccare gli occhi dalla sua bellissima nipote. “Oh, come è cresciuta la mia bambina!”

Amber tenne strette le mani della nonna e disse:

“Mi hai fatto preoccupare tanto, nonna. Perché hai smesso di rispondermi alle lettere?”

Patricia era confusa. Si era chiesta perché Amber aveva smesso di inviarle lettere l’anno scorso. Aveva supposto che fosse diventata troppo occupata per scrivere.

“Hai continuato a scrivermi?”

“Certo che sì!”

Patricia si rese conto che molti altri residenti avevano avuto lamentele simili l’anno scorso. Proprio come la loro posta, le lettere di Amber erano probabilmente state indirizzate erroneamente alla filiale della casa di cura in Florida.

For illustration purposes only | Source: Getty Images

“Devo venire a vederti di persona. E non mi piace affatto questo posto. Tutto l’edificio dovrebbe essere segnalato come pericolo per la sicurezza architettonica.”

Amber aveva ragione. La casa di cura stava diventando sempre più inabitabile col passare del tempo. I muri perdevano, e c’era un odore di umidità che solo i visitatori non erano troppo intorpiditi per notare.

Quella notte, Amber portò Patricia nel suo nuovo appartamento in città.

“Questa è una modesta casa, nonna, a differenza della sontuosa dimora di famiglia che tu e nonno avete costruito. Ma ti prometto che mi assicurerò che tu abbia tutto il necessario qui.”

Patricia si ricordò della casa e dell’impero commerciale che aveva costruito con il suo defunto marito, Frank.

For illustration purposes only | Source: Getty Images

“Questo è più che sufficiente, Amber. Non capisco ancora perché ti dai tanto da fare. Probabilmente sarò un peso intorno alla casa.”

“Per niente. Non riesco nemmeno ad immaginare cosa hai passato negli ultimi cinque anni. E adesso, ho bisogno di te qui, non perché mi dispiaccia per te. Ho bisogno di te qui perché mia madre non può esserci. E tu hai sempre preso il suo posto nel mio cuore.”

Amber aveva perso sua madre, Tracey, quando era solo una bambina. Guardando Amber ora, sembrava proprio Tracey.

“Solo perché tra poco diventerò medico non significa che non ho bisogno di una madre a cui rivolgermi con tutti i miei problemi.”

“E per massaggiarmi i capelli ogni settimana, ovviamente.” Amber sorrise, tirando le guance magre della nonna.

Le due donne trascorsero il resto della giornata chiacchierando sul balcone dell’appartamento, sorseggiando tè e ripensando a dolci vecchi ricordi. Patricia non si era mai sentita così rilassata da molto tempo.

Passò una settimana nella nuova vita di Patricia, e alla fine prese una decisione. Chiamò Amber e disse: “Cara, farò presto il mio testamento. Vorrei che tu e Jacob abbiate tutto – compresa la casa ancestrale che tanto ami. Solo tu la valorizzi abbastanza da prendertene cura.

Amber non lasciò finire sua nonna. “Non posso, nonna. Non voglio la casa. La amo troppo per farla mia.

“Ma se vuoi davvero dare la casa a qualcuno che la apprezzerà, ho un’idea.”

Patricia sentì l’idea e le piacque.

Verso la fine dell’anno, Amber e Patricia stavano davanti alla casa ancestrale. Sembrava esattamente la stessa, tranne per una grande bacheca che recitava: “Amore e Luce – Case Gentili per l’Assistenza Anziani.

Rate article