Ho spinto il mio compagno fuori dal letto per fermare quello che credevo fosse russare

STORIE DI VITA

Una donna di nome Lisa Lee, 25 anni, ha condiviso con il Metro una storia devastante.

Una notte, mentre stava dormendo accanto a suo marito, è stata svegliata da quello che credeva fosse il russare. Suo marito, Lewis Little, anche lui 25enne, di solito non russava, quindi nel tentativo di farlo smettere, lo ha leggermente spinto.

“Pensavo che stesse russando, quindi l’ho spinto fuori dal letto per farlo smettere. Ma quando ho sentito che il lenzuolo era bagnato, ho capito che c’era qualcosa che non andava. Ho acceso la luce e ho guardato il suo volto contuso perché non riusciva a respirare. Ho chiamato l’ambulanza, ma fino a quando non è arrivata, sembrava un’eternità”, ha condiviso Lisa.

Quando finalmente è arrivata l’ambulanza, i medici hanno detto alla donna devastata che suo marito era morto da un paio d’ore.

Lei non voleva crederci perché sapeva di averlo sentito russare. È stato allora che le hanno spiegato che il russare che credeva di aver sentito era il suono dell’aria che usciva dal suo corpo e toccava le sue corde vocali.

Lisa sapeva che suo marito soffriva della sindrome di Brugada, una rara condizione cardiaca solitamente ereditata che influisce sul ritmo cardiaco. Anche se questa condizione può essere potenzialmente letale, Lewis era stato rassicurato che avrebbe vissuto a lungo e che la sua vita non era in pericolo.

È morto un anno dopo essere stato diagnosticato.

Siamo davvero dispiaciuti per questa perdita. Possa riposare in pace.

Per favore CONDIVIDI questo articolo con la tua famiglia e i tuoi amici su Facebook.

Rate article